18/10/2017 – Il direttore dei lavori è responsabile degli abusi edilizi anche se si è dimesso dal suo incarico. Lo ha affermato di recente la Corte di Cassazione con la sentenza 46477/2017.   I giudici hanno spiegato che l’unico modo per evitare di essere coinvolti nelle responsabilità è indicare chiaramente che il motivo delle dimissioni sono i disaccordi con la committenza. In caso contrario, il direttore dei lavori risponde delle opere realizzate in difformità dal titolo abilitativo.   Abusi edilizi camuffati da vani tecnici Nel caso preso in esame, durante la realizzazione di un complesso residenziale, il Comune aveva rilasciato un permesso di costruire in sanatoria perché, al momento dei lavori, era emersa la necessità di realizzare dei volumi tecnici e delle opere di contenimento superando la volumetria massima consentita.   In realtà, l’impresa esecutrice dei lavori aveva realizzato volumi..
Continua a leggere su Edilportale.com