25/11/2019 – Per i periodi di imposta in corso dal 1° gennaio 2020 al 2022, alle imprese alberghiere esistenti alla data del 1° gennaio 2017, potrebbe essere riconosciuto un credito di imposta per i lavori di ristrutturazione edilizia e l’ammodernamento delle strutture ricettive.   La proposta è contenuta in uno degli emendamenti dei relatori al ddl di conversione del Decreto Fiscale in esame alla Camera.   La misura ripropone quella introdotta qualche anno fa dal Decreto ArtBonus che riconosceva il bonus per gli interventi di manutenzione straordinaria, restauro e di risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia, di eliminazione delle barriere architettoniche, di incremento dell’efficienza energetica e per l’acquisto di mobili e componenti d’arredo. Secondo l’emendamento al Decreto Fiscale, il credito di imposta sarà pari al 30% delle spese sostenute, fino ad un massimo di 200.000 euro nei periodi di..
Continua a leggere su Edilportale.com