09/04/2018 – Regole stringenti sulla rotazione degli inviti, autodichiarazioni, ma soprattutto verifiche per evitare l’elusione della concorrenza o il frazionamento improprio degli importi.   Sono entrate in vigore sabato 7 aprile le linee guida Anac sui contratti sotto soglia, attuative del Codice Appalti (D.lgs. 50/2016).   Appalti sotto soglia, controlli contro il frazionamento Negli appalti di importo inferiore alle  soglie comunitarie, lo ricordiamo, non si seguono le procedure ordinarie, ma la Stazione Appaltante invita un numero predefinito di operatori economici. Si tratta di una semplificazione, che potrebbe indurre alcuni soggetti ad un “frazionamento improprio” dell’appalto, cioè alla sua scomposizione in più lavorazioni apparentemente distinte con l’obiettivo di abbassare l’importo a base di gara e utilizzare regole meno stringenti.   Sono quindi previsti dei controlli per evitarlo…
Continua a leggere su Edilportale.com