19/06/2020 – Correggere il tiro del Codice Appalti o, addirittura, sospenderlo e semplificare senza rinunciare alla qualità e alla sicurezza. Agli Stati Generali dell’economia "Progettiamo il rilancio", in corso a Roma a Villa Pamphilj, emerge in modo prepotente la necessità di ridurre i tempi di realizzazione delle opere e di liberarsi degli eccessi di burocrazia, anche se le soluzioni proposte differiscono tra loro.   Modifiche al Codice Appalti per far ripartire i cantieri Secondo la Federazione Industrie, prodotti impianti servizi ed opere specialistiche per le costruzioni (Finco), vanno snellite le procedure che precedono le fasi di aggiudicazione e bisogna fare un ricorso maggiore al silenzio assenso, tranne che per i beni culturali. È invece importante “resistere agli slogan di chi non sa cosa siano i cantieri”. Sono invece da tutelare i controlli sulla qualificazione delle imprese e delle stazioni appaltanti. In generale,..
Continua a leggere su Edilportale.com