17/04/2020 – Per la fase 2 è necessario assicurare la sicurezza nei cantieri, ma anche procedure semplificate per avere progetti esecutivi da appaltare a gennaio 2021. Con questa considerazione, Oice, Associazione delle organizzazioni di ingegneria, di architettura e di consulenza tecnico-economica, ha presentato i dati sull’andamento delle gare di progettazione, che mostrano una flessione a causa delle misure per il contenimento dei contagi da coronavirus.   Coronavirus, chieste semplificazioni per la fase 2 Secondo il presidente Oice, Gabriele Scicolone, occorre reagire con velocità e fermezza. Tra le azioni necessarie, Scicolone annovera “ampliare il parco dei progetti immediatamente cantierabili a disposizione degli enti locali, liquidare subito i crediti delle imprese immettendo liquidità concreta, stipulare e attuare contratti aggiudicati”.   Per la fase 2 è inoltre fondamentale “devono definire subito regole..
Continua a leggere su Edilportale.com