21/04/2020 – “Come gestiremo, nel dopo-emergenza, i luoghi dell’abitare, gli spazi pubblici, le dinamiche urbane? Come verrà fatta ripartire l’economia, riattivati i cantieri, trasferita una indispensabile spinta propulsiva al mondo delle costruzioni?   E ancora, come vediamo il futuro delle nostre città, dei territori, muovendo dall’insegnamento della pandemia? Serve una capacità di progetto. Dunque, c’è bisogno di architettura e di architetti. Eppure, tutto questo pare non essere sufficientemente percepito dai principali attori politici e dai decisori del nostro Paese”.   Sono le domande che il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori (CNAPPC) si pone e, soprattutto, pone ai decisori politici in questa fase cruciale per l’Italia.   “È quantomeno singolare – prosegue il CNAPPC – che gli architetti non vengano coinvolti in una fase drammatica della..
Continua a leggere su Edilportale.com