17/02/2020 – Jeff Speck, noto urbanista americano, in occasione del suo discorso al TEDCity2.0 nel settembre 2013, affermò che “l’espansione urbana è la peggiore idea che abbiamo mai avuto”. Diceva questo riferendosi al modello della città americana che aveva favorito una riorganizzazione del paesaggio e la creazione del paesaggio stesso attorno alla esclusiva necessità dell'uso di automobili. Tale affermazione, seppur forte, può trovare riscontro in quasi tutti i modelli di città contemporanea che sono stati prodotti. Infatti, dati statistici (fonte: IEFE-Bocconi, dati UN – 2016, UNEP – 2016, FAO – 2017), mettono in luce come le città siano dei centri di consumo, esse occupano solo il 3% della terra ma totalizzano 60-80% del consumo energetico e il 75% delle emissioni di CO2. Percentuali destinate a crescere, dato che si stima che entro il 2030 il 60% dell’intera popolazione mondiale vivrà..
Continua a leggere su Edilportale.com