25/05/2020 – Destinare all’innovazione parte delle risorse stanziate per uscire dall’emergenza Coronavirus e far diffondere il BIM tra piccole imprese e nelle Amministrazioni. È la proposta lanciata da Assobim, associazione nata con lo scopo di dare rappresentatività alla filiera tecnologica del Building Information Modeling.   BIM, digitalizzazione per la ripresa Assobim sottolinea che, nel periodo del lockdown, lo smart working e la gestione digitale dei processi hanno consentito la prosecuzione di molte attività. Tuttavia, molte aziende sono in difficoltà perché non riescono a gestire da remoto alcune operazioni. Per questo, è fondamentale la digitalizzazione dei processi.   Nel settore costruzioni, sostiene Assobim, la risposta è rappresentata dal BIM, che è lo strumento di lavoro idoneo in grado di aiutare gli operatori ad avviare il processo di revisione e di riconfigurazione in senso digitale..
Continua a leggere su Edilportale.com