20/07/2020 – Rendere operativo il silenzio assenso e velocizzare i procedimenti di autorizzazione con l'adozione di moduli standard in tutta Italia, semplificare la conferenza di servizi e il rilascio della valutazione di impatto ambientale (VIA) per evitare il blocco dei cantieri.   Sono alcuni degli obiettivi del Decreto Semplificazioni, entrato in vigore dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, che introduce una serie di responsabilità a carico delle Amministrazioni per evitarne l’inerzia.   DL Semplificazioni, silenzio assenso e responsabilità Il decreto stabilisce che i provvedimenti di divieto di prosecuzione dell’attività e di rimozione degli eventuali effetti, adottati dopo la scadenza dei termini previsti, saranno considerati inefficaci. In questo modo si vuole evitare che l’attesa di un atto di dissenso espresso, reso dalle amministrazioni nell’ambito della Conferenza di servizi, pur se sopravvenuto oltre..
Continua a leggere su Edilportale.com