28/05/2018 – Qual è il futuro degli spazi destinati alla reclusione? Un obiettivo non ancora troppo chiaro in Italia. Eppure idee e spunti non mancano, tra rigenerazione urbana, tematiche sociali e percorsi d’arte.   Attorno a questo tema ci sono stati dei momenti molto significativi se pensiamo alle carceri di Giovan Battista Piranesi, alle visioni di Escher o agli appunti di Antonio Gramsci. Nell’opera più nota di Michel Foucault, 'Sorvegliare e punire', il filosofo francese delineava  una storia della nascita della prigione, dal Panopticon ipotizzato da Jeremy Bentham nel 1791 al carcere moderno. Il controllo e il potere della vista hanno fatto sì che le prigioni assumessero una forma circolare al fine di ‘rendere visibili coloro che vi si ritrovano all’interno’.  Incisore, architetto e teorico d’architettura, Giovanni Battista Piranesi, ha rivoluzionato i tratti della rappresentazione..
Continua a leggere su Edilportale.com