09/11/2020 – Con le restrizioni legate al COVID-19 lo stile di vita e le abitudini sono cambiate e molti hanno preso coscienza di quanto sia fondamentale per la propria saluta la qualità dell'aria degli ambienti interni. L’attuale generazione era già definita indoor generation, ma ora lo è ancora di più. Si trascorre circa il 90% del tempo in spazi chiusi, l’equivalente di 22 ore al giorno. Temi come aerazione/ventilazione e illuminazione dovrebbero catturare l’attenzione perché, contrastando l’inquinamento indoor, tutelano la salute. Molte sono le cause che determinano l’indoor pollution: – smog, fumi e pollini provenienti dall’esterno; – l’anidride carbonica prodotta dall’espirazione e dalla combustione (cottura cibi, riscaldamento ecc.); – le particelle (VOC) rilasciate dai materiali da costruzione, come vernici, colle e adesivi, e dai materiali di cui sono fatti gli arredi; – la presenza..
Continua a leggere su Edilportale.com