31/03/2021 – “Perché una misura fiscale sia efficace, dobbiamo renderla credibile”. Lo afferma ISI, Ingegneria Sismica Italiana, l’Associazione impegnata da 10 anni sul fronte dell’incremento della cultura della prevenzione del rischio sismico e della messa in sicurezza del patrimonio costruito.   In vista della possibile proroga del superbonus, legata al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), ISI interviene nel dibattito sugli interventi strutturali e sul sismabonus per evidenziare alcuni punti sui quali ritiene ci sia bisogno di fare chiarezza.   Superbonus 110%, chi ci guadagna “È innegabile che il bonus sia un beneficio per i proprietari d’immobili, ma lo è anche per lo Stato; questo va detto con forza e in maniera positiva”, afferma l’Ing. Andrea Barocci, Presidente di ISI. Dal 1968 a oggi – ricorda ISI -, l’Italia ha speso tra i 150 e i 200 miliardi di euro (attualizzati) per far fronte..
Continua a leggere su Edilportale.com