11/04/2018 – Il proprietario di un suolo diventa automaticamente proprietario della costruzione che su di esso viene realizzata.  Cosa accade però se si costruisce sul suolo comune, ma gli altri comproprietari non hanno preso parte alla realizzazione dell’opera? Lo ha spiegato la Corte di Cassazione con la sentenza 3873/2018.   Il proprietario del fondo diventa proprietario della costruzione I giudici hanno risolto il caso spiegando il concetto di accessione, cioè l’istituto in base al quale il suolo “attrae” tutto ciò che è sopra incorporato. In altre parole, il proprietario del suolo è proprietario anche dei beni che lì si trovano.   Se, quindi, su un terreno viene costruito un immobile, il proprietario del terreno diventa anche proprietario della costruzione realizzata.   Le cose non cambiano quando ci sono più proprietari e solo uno di essi edifica. Tutti i comproprietari del..
Continua a leggere su Edilportale.com