20/07/2018 – Sbloccare le opere utili per il Paese attraverso la modifica del Codice Appalti. È questo l’obiettivo del documento predisposto dall’Associazione nazionale dei costruttori edili – ANCE, e dall’Associazione nazionale dei Comuni italiani – ANCI, presentato ieri a Roma.   Costruttori e Amministratori locali chiedono di semplificare le norme e le procedure “che costituiscono un freno per il rilancio delle infrastrutture e di tutte le opere piccole e medie di cui il Paese ha bisogno per tornare a crescere”; per questo hanno deciso di lavorare a un progetto organico di revisione della normativa sugli appalti.   ANCE: 270 cantieri bloccati per 21 miliardi di euro “Che il sistema dei lavori pubblici in Italia abbia gravi problemi di funzionamento – spiegano – lo si evince chiaramente anche dal lavoro di ricognizione Ance che sta facendo in questi mesi con il sito sbloccacantieri”.   Finora..
Continua a leggere su Edilportale.com