18/10/2018 – Il committente è responsabile dei danni causati dalla “cosa” su cui vengono effettuati dei lavori. Lo ha affermato la Cassazione con la sentenza 23442/2018.   Responsabilità per i danni durante i lavori In caso di danni subiti da terzi nel corso dell'esecuzione di un appalto, hanno spiegato i giudici, bisogna distinguere tra i danni derivanti dalla attività dell'appaltatore e i danni derivanti dalla cosa oggetto dell'appalto.   Nel primo caso, la responsabilità ricade sull’appaltatore, cioè sul soggetto che sta realizzando o ha realizzato i lavori dal momento che opera in autonomia rispetto al committente. In una simile ipotesi, il committente viene chiamato in causa solo se il danneggiato dimostra una sua ingerenza nei lavori o la violazione di specifici obblighi di vigilanza e controllo.   Nel secondo caso, anche se i danni sono determinati dalle modifiche e dagli interventi posti..
Continua a leggere su Edilportale.com