24/10/2017 – Gli interventi di demolizione e ricostruzione devono rispettare le distanze minime tra edifici previste dal DM 1444/1968? La risposta, sostiene il Consiglio di Stato con la sentenza 4728/2017, è “non sempre”. Dipende dal modo in cui avviene la ricostruzione.   Interventi di ristrutturazione con demolizione e ricostruzione Un intervento di demolizione e ricostruzione può essere qualificato come ristrutturazione se si rispetta la stessa volumetria dell’edificio preesistente. Sono tollerate solo eventuali innovazioni necessarie per l’adeguamento alla normativa antisismica.   Il nuovo edificio può quindi essere realizzato al di fuori della vecchia area di sedime e con una sagoma diversa. Solo nelle aree vincolate è richiesto il rispetto della sagoma.   Ristrutturazioni, nuove costruzioni e distanze tra edifici Se, quindi, a parità di volumetria un intervento di demolizione e ricostruzione..
Continua a leggere su Edilportale.com