15/10/2018 – Dal 18 ottobre il Documento di gara unico europeo (Dgue) viaggerà solo online. Lo prevede il Codice Appalti (D.lgs. 50/2016) e il Regolamento europeo 7/2016, che ha adottato il modello di DGUE per tutti i Paesi membri.   L’obbligo in realtà esiste dal 18 aprile 2018, ma il Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti (Mit) ha concesso un periodo transitorio per consentire l’adeguamento dei sistemi informatici delle Stazioni Appaltanti.   Il periodo transitorio scade giovedì 18 ottobre. A partire da questo momento le uniche deroghe possibili saranno quelle espressamente previste dal Codice Appalti.   DGUE, come funziona Il DGUE crea una procedura standardizzata per la dichiarazione dei requisiti utili alla partecipazione alle gare di appalto e dell’assenza di cause di esclusione.   Le Stazioni appaltanti devono predisporre ed accettare il DGUE solo in formato elettronico, secondo..
Continua a leggere su Edilportale.com