26/02/2018 – Realizzati a cavallo degli anni Cinquanta e Sessanta del ‘900, sono esempi di architettura brutalista, ma in qualche caso sono stati scambiati per ecomostri, come a Londra, dove un edificio del 1972 progettato da Alison e Peter Smithson è stato demolito.   Dopo questo episodio è partita la campagna social #sosbrutalism che ha ispirato la mostra "SOS BRUTALISM – Save the Concrete Monsters!" organizzata dal Deutsches Architekturmuseum (DAM) di Francoforte e Wüstenrot Foundation. In esposizione al DAM, fino al 2 aprile, ci saranno le foto degli edifici brutalisti sparsi per il mondo.   Complesso Zipster, Grado – Gorizia Ha una tipica facciata curva questo edificio progettato da Marcello D’Olivo. La sua idea era creare una mini Unité d’Habitation dove, in un unico edificio, coesistessero appartamenti, hotel, ristoranti e negozi.  Foto: #sosbrutalism Arch Michael Atzenhofer Un..
Continua a leggere su Edilportale.com