03/10/2017 – Riparte alla Camera l’esame del disegno di legge sull'abusivismo edilizio che definisce criteri gerarchici per la demolizione degli immobili abusivi.   La discussione sul ddl Falanga, avviata ieri, potrebbe portare all’approvazione definitiva del provvedimento o ad una nuova battuta d’arresto, viste le numerose critiche mosse al disegno di legge da diversi esponenti politici. Ad esempio, il presidente della commissione Ambiente della Camera, Ermete Realacci (Pd), aveva sollevato dubbi sull’approvazione senza modifiche del provvedimento.   Abusivismo edilizio: cosa prevede il ddl Il provvedimento detta le priorità che orienteranno le demolizioni. In cima alla lista ci saranno: gli immobili di rilevante impatto ambientale o costruiti su area demaniale o in zona soggetta a vincolo ambientale e paesaggistico o a vincolo sismico o a vincolo idrogeologico o a vincolo archeologico o storico-artistico; gli immobili..
Continua a leggere su Edilportale.com