20/06/2018 – I Paesi europei dovranno elaborare nei prossimi anni una strategia a lungo termine per sostenere la ristrutturazione degli edifici residenziali e non residenziali, sia pubblici che privati, al fine di ottenere un parco immobiliare decarbonizzato e ad alta efficienza energetica entro il 2050, e dovranno facilitare la trasformazione degli edifici esistenti in edifici a energia quasi zero.   Lo prevede la direttiva 2018/844/UE, pubblicata sulla Gazzetta europea, che aggiorna la direttiva 2010/31/UE sulla prestazione energetica nell’edilizia e la direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica. La nuova direttiva entrerà in vigore il 9 luglio 2018 e dovrà essere recepita entro il 10 marzo 2020.   La direttiva ha l’obiettivo di migliorare l’efficienza energetica degli edifici attraverso: – la promozione di ristrutturazioni economicamente efficienti; – l’introduzione di un ‘indicatore di intelligenza’..
Continua a leggere su Edilportale.com