12/03/2018 – L’elenco degli illeciti professionali contenuti nel Codice Appalti ha carattere esemplificativo e non tassativo. Lo ha spiegato il Consiglio di Stato con la sentenza 1299/2018.   Illeciti professionali e Codice Appalti Il CdS ha spiegato che l’articolo 80, comma 5, lettera c) del Codice Appalti (D.lgs. 50/2016) annovera tra i gravi illeciti professionali “le significative carenze nell’esecuzione di un precedente contratto di appalto o di concessione che ne hanno causato la risoluzione anticipata, non contestata in giudizio, ovvero confermata all’esito di un giudizio, ovvero hanno dato luogo ad una condanna al risarcimento del danno o ad altre sanzioni”.   L’elenco, hanno sottolineato i giudici, non è tassativo, ma vuole dare degli esempi alle Stazioni Appaltanti, chiamate a valutare e dimostrare l’idoneità dei partecipanti con mezzi adeguati.   Illeciti professionali, la Stazione Appaltante..
Continua a leggere su Edilportale.com