04/10/2018 – Linee ferroviarie vecchie, binari unici, strade dissestate e insicure, meno investimenti, fondi europei spesi al ralenti e macchina amministrativa tra le meno efficienti di Europa.   Questi alcuni elementi critici che contribuiscono al grande gap infrastrutturale ed economico del Sud, evidenziati dall’Ance nel corso del convegno ‘RAPPORTO SUD – Emergenze e opportunità per far ripartire l’Italia dal Mezzogiorno’.   Infrastrutture e investimenti: le criticità del Sud Ne Rapporto ‘Le infrastrutture per la competitività del Mezzogiorno’ si evidenzia che dal 1990 ad oggi la rete autostradale al Sud è rimasta sostanzialmente invariata mentre in quasi tutti gli altri Paesi europei i chilometri sono aumentati. Stesso discorso per le ferrovie: nel Meridione ci sono circa 45 km per 1.000 kmq di superficie, a fronte dei 65 del Nord e dei 59 del Centro. Per non parlare della linea ad alta velocità..
Continua a leggere su Edilportale.com