31/01/2018 – In Italia l’82% degli edifici è stato costruito prima dell’entrata in vigore della normativa in materia di efficienza energetica; gli edifici residenziali in mediocre o pessimo stato di conservazione sono pari al 16,8% del totale, strutture vecchie che necessitano di interventi.   Negli ultimi cinque anni, Legambiente ha monitorato 100 condomini in 33 città, mettendo in evidenza come molti degli edifici, dal punto di vista energetico, sono ‘case colabrodo’ che disperdono il più delle volte energia termica d’inverno e si surriscaldano d’estate.   Nel 2017 Legambiente ha realizzato un’indagine termografica su 10 palazzi condominiali di Roma, Napoli e Potenza costruiti nel dopoguerra e in anni più recenti: su gran parte di questi immobili, i problemi sono evidenti e comuni: dispersioni termiche da solai, pilastri, infissi e dalle pareti perimetrali da cui molto spesso è visibile..
Continua a leggere su Edilportale.com