04/10/2018 – Blocco dell’attività edilizia in mancanza dei documenti che comprovino il pagamento dei progettisti secondo le norme sull’equo compenso. È la proposta che la Rete delle Professioni Tecniche (RPT) vorrebbe introdurre come emendamento al disegno di legge di Bilancio 2019.   La proposta ricalca i contenuti della LR 25/2018 con cui la Calabria ha voluto tutelare il lavoro dei professionisti e ad attenuare l’evasione fiscale. Una norma che è piaciuta e ha ispirato altre iniziative, come la proposta di legge messa a punto dalla Federazione Architetti Ingegneri Liberi Professionisti (FNAILP) e la delibera con cui la Giunta regionale siciliana ha raccomandato agli Assessorati di rispettare le norme sull’equo compenso ed evitare clausole vessatorie.   Manovra 2019 e equo compenso, le proposte di RPT RPT propone che le istanze e le segnalazioni certificate da presentare agli Enti ed agli Uffici pubblici preposti..
Continua a leggere su Edilportale.com