28/11/2018 – Nella nuova legge regionale marchigiana sulla semplificazione saranno introdotte procedure più snelle per facilitare l’adozione degli strumenti urbanistici, realizzare interventi edilizi, sostenere l’attività zootecnica nelle aree montane e svantaggiate, al fine di agevolare l’attività degli uffici tecnici comunali, con benefici per i cittadini.   Lo ha deciso la Giunta regionale delle Marche, accogliendo la proposta della vicepresidente Anna Casini.   Tra le novità più rilevanti previste ci sono: la possibilità di approvare in variante anche i piani particolareggiati e quelli di lottizzazione privati e l’opportunità, nelle zone interne, di costruire stalle e annessi agricoli pure nel caso di frammentazione degli appezzamenti aziendali.   “Si tratta – ha commentato Casini – di correttivi migliorativi che semplificheranno l’attività urbanistica ed edilizia, ridurranno..
Continua a leggere su Edilportale.com