02/01/2019 – È in vigore da ieri l’obbligo all’utilizzo del Building Information Modeling (BIM) per le opere pubbliche di importo pari o superiore a 100 milioni di euro in attuazione di quanto previsto dal Decreto BIM (DM 560 del 1 dicembre 2017).   Il Decreto BIM, infatti, ha stabilito le modalità e i tempi di progressiva introduzione, da parte delle stazioni appaltanti, delle amministrazioni concedenti e degli operatori economici, dell’obbligatorietà dei metodi e degli strumenti elettronici specifici, quali quelli di modellazione per l’edilizia e le infrastrutture, nelle fasi di progettazione, costruzione e gestione delle opere e relative verifiche.   Obbligo del BIM: la scansione temporale L’obbligo dell’utilizzo di metodi e strumenti elettronici di modellazione decorre: – da ieri (1° gennaio 2019) per le opere di importo da 100 milioni di euro; – dal 2020 per i lavori complessi oltre..
Continua a leggere su Edilportale.com