13/05/2019 – La Pubblica Amministrazione inizia a tagliare i ritardi nei pagamenti. Lo rileva il Ministero dell’Economia e delle Finanze (Mef), che ha fotografato un’Italia a tre velocità. Nel frattempo è stata pubblicata la Legge Europea 2018, che modifica i tempi di pagamento previsti dal Codice Appalti. La norma sarà in vigore a partire dal 26 maggio.   I pagamenti della PA Il sistema informativo della Piattaforma per i crediti commerciali (PCC) ha registrato il pagamento di 20,3 milioni di fatture, su un totale di 28 milioni emesse nel 2018.    Lo stock di debito residuo scaduto e non pagato alla data del 31 dicembre 2018 risulta pari a circa 26,9 miliardi.    Va considerato, fa notare il Mef, che tutte le fatture per le quali non è stata effettuata la comunicazione del pagamento sono state considerate come non pagate. È quindi possibile che il debito relativo al 2018 risulti sovrastimato.   Italia..
Continua a leggere su Edilportale.com