27/08/2018 – "Bisogna smettere di inseguire le emergenze e bisogna ricominciare a programmare interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria". A dichiararlo il ministro delle infrastrutture Danilo Toninelli ieri in audizione presso le commissioni riunite VIII di Camera e Senato in seguito al crollo del Ponte Morandi a Genova.   Secondo Toninelli “la prima vera grande opera di cui ha bisogno questo Paese è un imponente e organico piano di manutenzione ordinaria e straordinaria".   Crollo del Ponte Morandi: il lavoro della Commissione ispettiva Il Ministro ha ricordato le azioni intraprese dal Governo dopo il crollo del 14 agosto scorso: la dichiarazione dello stato di emergenza di 12 mesi per la città di Genova e l’istituzione di una Commissione ispettiva al lavoro per fare chiarezza sull’accaduto, verificare le circostanze del cedimento e chiarire alcune zone d’ombra nel rapporto fra concessionario privato..
Continua a leggere su Edilportale.com