04/06/2018 – Disposizioni sulla privacy semplificate per gli studi professionali. È la richiesta avanzata da Confprofessioni durante un’audizione  in Parlamento sull'adeguamento della normativa italiana al nuovo regolamento europeo divenuto applicabile il 25 maggio. Confprofessioni ha chiesto un confronto con il Garante della Privacy per configurare una normativa adeguata alle piccole e medie imprese e valutare l’impatto sugli studi professionali.   Il regolamento, ha sottolineato il presidente Gaetano Stella, da un lato include i professionisti tra i destinatari della normativa, dall’altro tuttavia invita gli Stati membri a prevedere un trattamento differenziato e semplificato per le piccole e medie imprese, quali sono gli studi professionali.    Privacy, il regolamento UE Secondo il diritto comunitario, i regolamenti europei sono direttamente applicabili nei Paesi membri. Al contrario di quanto accade con le Direttive,..
Continua a leggere su Edilportale.com