17/10/2017 – Oice (Associazione delle società di ingegneria e architettura), Legacoop Produzione e Servizi e Geomobilitati (Federazione dei geometri e geometri laureati mobilitati) continuano a tenere alta l’attenzione sulle gare bandite senza prevedere compensi per i professionisti.   Dopo la sentenza del Consiglio di Stato, che ha giudicato legittimo il conferimento di un incarico a titolo gratuito perché controbilanciato da un ritorno di immagine, e il botta e risposta tra mondo delle professioni e il Comune di Catanzaro, le associazioni chiedono al Governo un intervento normativo immediato per rimediare.   Oice e Legacoop chiedono la modifica del Codice Appalti Il presidente dell’Oice, Gabriele Scicolone, e quello di Legacoop, Carlo Zini, chiedono una “modifica legislativa del Codice Appalti (D.lgs. 50/2016) per introdurre due principi molto chiari: la pena della nullità contrattuale collegata all'eventuale inadempimento..
Continua a leggere su Edilportale.com