22/05/2019 – I Paesi membri dell’Unione europea sono alle prese con il recepimento della Direttiva 2018/844/UE (EPBD) sul rendimento energetico degli edifici e, in particolare, delle norme relative alla ristrutturazione. Per aiutarli ad interpretarli ed applicare al meglio le nuove regole, la Commissione europea ha pubblicato la Raccomandazione 786 dell’8 maggio 2019.   Le modifiche alla Direttiva EPBD concordate lo scorso anno – spiega la Commissione UE – creano un chiaro percorso verso il raggiungimento di uno stock di edifici a emissioni ridotte e a zero nell’Unione entro il 2050, scandito da tabelle di marcia nazionali e da finanziamenti e investimenti pubblici e privati.   Gli Stati membri – ricorda la UE – devono adottare strategie nazionali di ristrutturazione a lungo termine con una solida componente finanziaria per garantire la trasformazione degli edifici esistenti in edifici ad alta efficienza energetica e decarbonizzati e facilitare la transizione..
Continua a leggere su Edilportale.com