19/01/2018 – Via libera ai criteri per la progettazione degli interventi di ricostruzione e riparazione degli edifici che, dopo gli eventi sismici del 2016, hanno riportato danni lievi. È stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale l’ordinanza 44/2017, che specifica quali interventi sono ammessi ai contributi, dando una guida ai progettisti.   Riduzione della vulnerabilità L’ordinanza chiarisce innanzitutto che la riduzione delle vulnerabilità consiste in una serie di interventi finalizzati a ridurre o eliminare i collassi locali, così come indicato nell’Allegato, tenendo conto del materiale con cui è realizzato l’edificio e degli elementi presenti.   Ricostruzione e costo dell’intervento L’ordinanza spiega che, ai fini della determinazione del contributo, il costo dell'intervento comprende i costi sostenuti per le indagini e le prove di laboratorio sui materiali che compongono la struttura ritenuti..
Continua a leggere su Edilportale.com