09/03/2021 – Si mette in moto il meccanismo dei contributi per la rigenerazione urbana ed il decoro. Con il dpcm 21 gennaio 2021, pubblicato in Gazzetta Ufficiale, sono stati definiti i criteri per richiedere le risorse stanziate dalla legge di Bilancio 2020.   Sul piatto ci sono complessivamente 8,5 miliardi di euro, che dal 2021 al 2034 finanzieranno la manutenzione e il riuso di aree ed edifici pubblici, la demolizione delle opere abusive, gli interventi di ristrutturazione edilizia degli immobili pubblici e la mobilità sostenibile. Il dpcm definisce i criteri cui i Comuni dovranno attenersi nel triennio 2021 – 2023 per richiedere le risorse. Questo significa che, una volta che i Comuni avranno ottenuto i contributi, potranno dare avvio ad una serie di gare per la realizzazione e la progettazione di tali lavori pubblici.   Rigenerazione urbana, i beneficiari del contributo Possono richiedere il contributo i Comuni capoluogo di Provincia o sede di Città..
Continua a leggere su Edilportale.com