27/09/2018 – Per la riqualificazione energetica dell’intero patrimonio immobiliare italiano sarebbero necessari investimenti per circa 80 miliardi di euro nei prossimi 20 anni: lo stock residenziale (oltre 17,2 milioni di immobili) necessiterebbe di oltre 65,2 miliardi di euro, gli immobili a uso commerciale e terziario richiederebbero 14,6 miliardi di euro.   I dati arrivano dal secondo Osservatorio sulla sostenibilità e sulla Sicurezza realizzato da Scenari Immobiliari in collaborazione con Johnson Controls.   La ricerca ha analizzato i prezzi del mercato immobiliare delle maggiori città italiane in relazione alla classe energetica, rilevando che le differenze di prezzo tra gli edifici in classe A e quelli di classi inferiori sono più evidenti nelle zone periferiche (in media +30%). Nelle zone centrali invece, c’è un maggiore appiattimento delle quotazioni (+20% tra classe A rispetto a E, F e G), riconducibile al ruolo preponderante..
Continua a leggere su Edilportale.com