17/01/2018 – Detraibilità totale delle spese per la diagnosi degli edifici, indipendentemente dalla realizzazione degli interventi; fissazione di un tetto massimo al bonus ristrutturazioni legato all’unità di superficie; ulteriore estensione della cessione del credito d’imposta.   Sono gli interventi che secondo Ingegneria Sismica Italiana (ISI), renderebbero il sismabonus più efficace e fruibile da una platea più vasta di cittadini.   Tra le misure della Legge di Bilancio 2018 – ricorda ISI -, ci sono quelle, molto attese dal settore delle costruzioni, relative alla ristrutturazioni edilizie. Già da settembre dello scorso anno, quando iniziarono i lavori di stesura della manovra, ISI ha segnalato in diverse occasioni pubbliche, ed in seguito ai propri referenti nel Governo ed in Parlamento, i diversi punti su cui la disciplina delle detrazioni fiscali per gli interventi antisismici necessitava di miglioramento.   “Va..
Continua a leggere su Edilportale.com