31/08/2020 – Tra i diversi cicli di risanamento delle murature colpite da umidità di risalita vi è quello realizzato mediante i sistemi antiumidità a barriera chimica. La barriera chimica è un trattamento che prevede l’immissione di prodotti idrofobizzanti all’interno di opportuni fori realizzati alla base della muratura da risanare. Tali composti, a seguito di una reazione chimica, polimerizzano, come se si vetrificassero, impedendo così la risalita dell’umidità. Le miscele di barriera chimica possono essere a base di silani o siliconi, siliconati, silossani, microemulsioni di siliconi. La barriera chimica può essere applicata su murature umide realizzate in mattoni, pietra naturale, tufo, miste, cemento, ecc. Ma, affinché l’intervento sia efficace è indispensabile che le murature siano omogenee (non devono presentare numerose fessure o crepe), compatte, stabili e non eccessivamente umide. Per..
Continua a leggere su Edilportale.com